#Recensione di Rational Melodies di Tom Johnson(2010, New World Records) su #neuguitars #blog

scansione0003

Rational Melodies di Tom Johnson(2010, New World Records )

Saggista, giornalista e compositore nato nel 1939 nel Colorado e da tempo trasferitosi a Parigi, Tom Johnson rappresenta un’altra via al minimalismo americano, portando l’idea di “music as process” alle sue estreme conseguenze tramite l’uso intensivo di strutture logico/matematiche.
In questo senso le ventuno composizioni che fanno parte delle sue “melodie razionali” rappresentano altrettanti capisaldi di questo pensiero compositivo: la struttura musicale qui è del tutto evidente, completamente esposta e non nascosta da nessuna forma musicale, arrivando al massimo livello di fusione tra apparenza, funzione e forma stessa.
Come si può notare nello spartito di Rational Melody No. 1 allegato al libretto, si tratta di un pezzo semplice, basato sulla ripetizione e sulle possibili permutazioni e variazioni di quattro note, organizzate in strutture ritmiche accuratamente predisposte: 1+5, 2+4, 3+3 4+2, 5+1, 6. Tutte queste forme formano una prima frase che termina con la nota iniziale, dopo di che si ripetono partendo da una nuova nota, formando alla fine quasi un loop, una specie di gioco che ci chiarisce durante il suo svolgimento. Il concetto di “gioco” è sicuramente una accezione importante per comprendere la poetica sottostante a questi brevi pezzi: il contrasto tra i concetti di razionale e quello di melodia (quasi un ossimoro) è alla base di queste rigorose strutture musicali, brevi ma allo stesso tempo intense e ipnotiche per la loro apparente semplicità.
L’Ensemble Dedalus guidato dal chitarrista Didier Aschour svolge un ruolo notevole nell’interpretazione di queste singole melodie integrandole in un insieme più complesso.
La loro notevole abilità strumentale sembra unirsi a una empatica abilità nel fondere assieme i loro strumenti nel rigore matematico richiesto dagli spartiti, conferendo loro quella forma essenziale e allo stesso tempo algida che sembrano richiedere.
Cd rigoroso, essenziale ma allo stesso tempo ironico, l’esecuzione dal vivo deve essere sicuramente impressionante.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s