#Intervista con Enea Leone (Giugno 2017) su #neuguitars #blog

maxresdefault4

Intervista con Enea Leone

http://www.enealeone.com/

Benvenuto su Neuguitars, Enea. Allora… un nuovo disco con la Stradivarius?

Si, nuovo disco e nuovo progetto relativo a un’epoca (barocca) che fino ad ora, almeno discograficamente non ero mai andato a toccare.

Come è nata l’idea di questo repertorio settecentesco e come sono stati scelti i brani?

Penso che la scelta sia andata a collimare con la mia naturale maturazione musicale e umana.
Ritengo il periodo barocco uno dei più difficili da affrontare e solo ora mi sono sentito pronto a farlo.
Mi sono ritagliato del tempo per ascoltare molta musica di questo periodo, sopratutto fatta da strumentisti che ne fanno la loro professione e dopo aver letto libri e trattati che ne parlavano ampiamente, ho deciso di affrontarla.

scansione0007

Ho notato da parte tua una tendenza comune già ad altri chitarristi: l’uso di strumenti “vintage”. Nel tuo ultimo disco hai suonato una Simplicio del 1929.

Come ogni strumento ha i suoi pro e i suoi contro. Magari in sale grandi può avere difficoltà in proiezione di suono o volume ma davanti ad un microfono, dopo varie prove io e il mio amico direttore artistico Andrea Dandolo abbiamo ritenuto che potesse esprimere al meglio ciò che avevamo intenzione di creare.

Senti… dal punto di vista musicale come ti rapporti con la comunità di persone (musicisti e non) con cui collabori? Modifichi il tuo approccio in relazione a quello che direttamente o indirettamente ricevi da loro?

Se stimo la persona con cui ho a che fare prendo sicuramente in considerazione ciò che dice.
In quel caso ovviamente mi capita di modificare il mio approccio nella vita e nella musica.

Se ascolti una diversa interpretazione di un brano da te già suonato e che vuoi eseguire tieni conto di questo ascolto o preferisci procedere in totale indipendenza?

Dipende da chi è il musicista!!! Ci sono chitarristi che stimo molto e pur suonando diversamente da me li ascolterei sempre volentieri. Poi mi incuriosisce molto sentire esecutori di altri strumenti e questo sicuramente ha influenzato molto il mio modo di suonare.
Spesso è proprio sentendo pianisti o violinisti che mi convinco che dovrei affrontare alcuni brani o modificarne l’esecuzione.

maxresdefault5

Un’ultima domanda…ho una grande stima del lavoro di Andrea Dandolo, come è lavorare con questo tecnico del suono?

Lavorare con Andrea è assolutamente FANTASTICO!qui ci possiamo allacciare alla domanda che mi hai fatto in precedenza sul modificare il mio approccio dal punto di vista musicale in base agli input che mi dà la persona con la quale collaboro.
In sede di registrazione ho modificato sensibilmente alcuni stacchi di tempo che facevo in due brani dopo essermi confrontato con lui. Abbiamo ascoltato delle versioni originali di alcuni brani per violino da lui consigliate, parlato, e il pezzo ha cambiato totalmente veste!

Quali sono i tuoi prossimi progetti? Su cosa stai lavorando?

Sto lavorando a molte cose come sempre, mi piace pianificare almeno con 1 o 2 anni di anticipo ciò che farò sia a livello discografico che concertistico.
Durante i prossimi mesi avrò vari concerti da solista, in duo con chitarra, bandoneon e con archi.
Sono già in cantiere vari cd e pubblicazioni senza trascurare l’aspetto didattico che amo molto!

Senti.. qualche anno fa ho letto un bel libro di Bill Milkowski intitolato “Rockers, Jazzbos and Visionaries”. Carlos Santana a un certo punto gli ha risposto che: “Some people have talent, some people have vision. And vision is more important then talent, obviously.”…dopo tutti questi anni passati a suonare, a cercare sempre nuove idee e nuovi percorsi…qual’è la tua visione?

Una visione che cambia con il passare del tempo. Una visione che muta perché la musica la si guarda, ascolta e suona in periodi sempre diversi della propria vita ma che rimane sempre entusiasta e ricca di energia.

eventi-a-cagliari-a-palazzo-regio-la-chitarra-di-enea-leone-mercoled-c3-ac-13-novembre

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s