#Recensione di Friends & Heroes: Guitar Duets di Henry Kaiser, Fractal Music, 2017 su #neuguitars #blog

 

scansione0015

Recensione di Friends & Heroes: Guitar Duets di Henry Kaiser, Fractal Music, 2017

“One of my most favorite recording and performing formats is the guitar duet. I have been fortunate to record with many heroes of mine, who became my friends; as well as with friends who have become heroes. That’s what’s being celebrated here. I have selected some unreleased tracks for this release, as well as out-of-print items from various ancient recording from my 40 years of album recordings. ”

A volte, nel corso delle mie interviste, mi piace chiedere ai chitarristi in che modo la loro metodologia musicale viene influenza dalla comunità di persone (musicisti e non) con cui collaborano e come arrivano a modificare il loro approccio musicale in relazione a quello che direttamente o indirettamente ricevono da loro. Trovo che sia una domanda sempre interessante: credo che l’uomo sia un animale sociale e, con tutto il rispetto per l’immagine romantica del musicista sensibile e solitario, le sue azioni e le sue decisioni siano costantemente influenzate dal mondo, dalle persone, dalla comunità che esso frequenta e in cui vive. Essendo la musica stessa un’attività sociale, molto spesso prodotta dall’interazione tra musicisti e da strumenti diversi, le interazioni tra i componenti di una band, di un ensemble da camera, di un’orchestra sono parte integrante del risultato finale. Un aspetto che però è stato raramente messo in evidenza se non per scopi sensazionalistici (soprattutto nella musica rock e jazz). Questo disco “Friends & Heroes: Guitar Duets” del grande Henry Kaiser ci permette di meglio capire che cosa può succedere quando un chitarrista decide di suonare in duo con altri chitarristi, ciascuno di essi caratterizzato da un suo specifico e inconfondibile stile, suono e atteggiamento musicale.

Ecco l’elenco dei musicisti con cui Kaiser ha suonato e registrato tra il 1979 e il 2017 e presenti in questo cd, è davvero impressionante: Derek Bailey (1993), Debashish Bhattacharaya (2017), Fred Frith (1979), Knut Reiersrud (2007), Sandy Ewen (2013), Chris Muir (2017), Ian Brighton (2017), Nels Cline (2010), Jim O’Rourke (1991), Elliott Sharp (2017), Eugene Chadbourne (1997), Davey Williams (1977), Roberto Zorzi (1997), Bill Frisell (1985), John Russell (2007).

Sono tutti fuoriclasse, ma quello che ho trovato più interessante è il modo in cui Kaiser riesce a interagire con loro adattandosi ai loro rispettivi stili, generando in ogni nuovo brano idee nuove e diverse: cooperazione e reciproco scambio sembrano essere le chiavi di interpretazione di questo eccellente cd, che mostra un Kaiser e i suoi colleghi al top della forma creativa. Un lavoro fantastico.

Vi consiglio di leggere le note, scritte dallo stesso Kaiser, per ciascuno dei quindici brani che compongono questo bellissimo cd.

http://www.henrykaiserguitar.com/friendsandheroes.html

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s