#Recensione di Midsummer Moods di John Zorn (Gyan Riley, Julian Lage) Tzadik, 2017 su #neuguitars #blog

scansione0001

Recensione di Midsummer Moods di John Zorn (Gyan Riley, Julian Lage) Tzadik, 2017

http://gyanriley.com/

http://www.julianlage.com/home

http://www.tzadik.com/index.php?catalog=8078

C’è qualcosa di semplicemente meraviglioso nella musica “pastorale” di John Zorn. Qualcosa di intimo, speciale, ammaliante, commovente e emotivo. In una parola: bello.

La cosa non è nuova. Zorn ci aveva già mostrato questo suo lato musicale con i suoi Gnostic Preludes del 2012, composti per Carol Emanuel, Bill Frisell, and Kenny Wollesen, ma questi duetti composti per le chitarre di Gyan Riley e Julian Lage sono davvero qualcosa di sublime.

Riley è ormai di casa per la Tzadik, mentre Julian Lage, uno dei migliori chitarristi jazz attualmente a nostra disposizione, è una new entry. Entrambi si confermano una coppia davvero notevole nell’esecuzione e interpretazione di questi nuovi duetti composti da Zorn, ispirati dalle visioni shakesperiane della luna. Devo dire di aver trovato questi brani, tutti e dieci, molto ispirati ee seguiti in maniera magistrale. L’abilità tecnica degli interpreti è altissima, ma questo virtuosismo si “perde” nella bellezza delle musiche, nelle melodie e nella serenità che trasmettono. Disco notevolissimo che penso, e spero, attirerà anche l’attenzione dei chitarristi di formazione più classica.

Bellissimo il design del cd, curatissimo nelle immagini, nei font e nell’impaginazione, tutta opera della bravissima Chippy. Se esce una edizione in vinile la compro di sicuro, solo per poter apprezzare al meglio lo stile di Heung-Heung Chin.

1. Sliver’d in the Moon’s Eclipse

2. Moonlight Revels

3. The Envious Moon

4. By Moonlight at Her Window Sung

5. This Lanthorn

6. Ill Met by Moonlight

7. Moon Take Thy Flight

8. And the Wolf Behowls the Moon

9. Moonbeams

  1. Wand’ring Moon

“For millennia the moon has been a subject of deep fascination— a symbol of love, lust, madness and dreams. More than a passive observer, it is a powerful force whose brilliant luminosity exerts an intoxicating effect upon the winds, the tides, our emotions and more. This dark and moody CD of music inspired by Shakespearian Lunar imagery features ten lyrical compositions evoking the magic of Sister Moon. Stunningly performedby two of the most fabulous new guitarists working today—Julian Lage and Gyan Riley, this is a beautiful and heartfelt program of music for late night contemplation on a romantic midsummer evening. “

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s