Ornette Coleman’s Body Meta, quarant’anni dopo su #neuguitars #blog

scansione0002

Ornette Coleman’s Body Meta, quarant’anni dopo

Body Meta is the first Prime Time band recording. The Dancing In Your Head release came from these sessions. The name Prime Time was given because every rehearsal was done in such a will it be or not be manner (because of the difficulty of schéduling everybody for rehearsals). When it did happen it was Prime Time. Prime Time is not a jazz, classical, rock or blues ensemble. It is pure Harmolodic where all forms that can, or could exist yesterday, today. or tomorrow can exist in the now or the moment without a second.
Thanks for lìstening.
Ornette Coleman”

Sembra difficile, persino complicato, pensare che siano passati quarant’anni dalla pubblicazione di Body Meta. E’ difficile pensare che quarant’anni fa, un periodo in cui molti avevano dichiarato il jazz come morto, e le innovazioni in questo genere musicale sembravano davvero poche e molto simili tra loro, sia potuto emergere un disco come Body Meta. Durante questo periodo, alcuni jazzisti, come Chick Corea e Herbie Hancock, si erano convertiti alla fusione, e Miles Davis si era ritirato in un personale incubo di droghe, frustrazione e esaurimento nervoso dopo aver creato alcuni dei più visionari dischi di sempre. In questo decennio caratterizzato da un’elevata instabilità politica, economica e sociale, Ornette Coleman, nel suo personalissimo modo tipicamente idiosincratico, riuscì a trovare un percorso diverso da esplorare. Sempre all’avanguardia, con questo disco Ornette presenta una nuova band (Prime Time) che con Body Meta dà voce a un nuovo stile musicale, da lui sviluppato e definito “harmolodic”.

For Harmolodic Democracy – the player would need the freedom to express what Harmolodic information they found to work in composed music. There is always a rhythm – melody – harmony concept. All ideas have lead resolutions. Each player can choose any of the connections from the composers work for their personal expression, etc.”

scansione0003

Coleman non solo ha fuso i generi (jazz, funk, rock, R & B, world music), ma ha reinventato un proprio personale schema strutturale: le tracce cicliche e struggenti di Body Meta hanno ridefinito le funzioni e le relazioni di melodia, armonia e ritmo, rendendole tutte interdipendenti in un modo completamente nuovo. Il sassofono di Coleman riprende il punto in cui Coltrane si era interrotto alla fine degli anni ’60, e si sposta nella stratosfera, ispirato all’opera idiosincratica di Bern Nix e alle linee di basso di Jamaaladeen Tacuma, per non parlare delle percussioni poliritmiche di Ronald Shannon Jackson e il figlio di Ornette, Denardo, batterista che però non amo particolarmente. Uno dei più importanti album jazz degli anni ’70, Body Meta arrivò dopo un periodo di difficoltà passato a cercare i membri di una nuova band:

I was seeking to form a band consisting of two Guitars, two Basses, two Drummers (one rhythm, one “tempo” time), and the concert piano. As it turned out I was only able to start with six of the eight. I called Reggie Lucas. He came and we played. When we stopped he was very interested in becoming a member, but l had not yet completed forrning the band at that time, he played great, however I needed more time to share Harmolodics with him than circumstances allowed. He offered to give me a number of a Bass player who lived in Philadelphia named Rudy McDaniel. From that meeting Rudy (Jamaladeen Tacuma) introduced me to a guitar player, Charlie Ellerbe. Guitarist, Bern Nix, was recommended to me by a friend from Nigeria. The two drummers included Ronald Shannon Jackson and Denardo Coleman. At the time Ron had been staying with me and studying. Denardo joined a short while later after finishing college.”

Julian Cope, nel suo sito Head Heritage, parla tranquillamente di similitudini e collegamenti tra le figure di Coleman e di Captain Beefheart: “It’s tempting to compare Nix & Ellerbee’s guitars to Zoot Horn Rollo and Antennare Jimmy Semens and all them other great Magic Band guitar duos, but really they sound more like Jimmy Nolan (James Brown’s guy) and his evil twin surgically sewn together by the tops of their heads, still punchy from the anesthesia so given a healthy dose of amphetamine to pep them up into a cartoonish frenzy.”

https://www.headheritage.co.uk/unsung/review/1121/

Ma francamente mi sembrano paragoni decisamente forzati: non penso che Coleman sia mai stato influenzato da Trout Mask Replica , anche se è probabile che Ornette sia stata una delle influenze chiave nell’approccio alla musica di Beefheart. Body Meta è un disco davvero riuscito che apre nuovi spazi e orizzonti. Le chitarre di Bern Nix e Charlie Ellerbee suonano un funky implacabile, torrido che si amalgama perfettamente in questo nuovo capitolo della musica di Coleman: forte, frastagliato, densamente intrecciato e denso. Ogni traccia è diversa, la visione di Coleman ha un focus diffuso, ma è chiaro che le cose sono cambiate rispetto agli esordi del free jazz. Anche il suo suono personale è più pronunciato, puro e pieno di sentimento, libero da catene e più difficile da definire. E le chitarre? Beh quelle sono davvero di un altro pianeta. E’ vero sono passati quarant’anni, ma questo disco non li dimostra minimamente e penso che possa rappresentare un interessante punto di partenza per nuove esplorazioni musicali. Questa è musica di pura espressione soul e merita un ascolto ripetuto, potete mettere il lettore cd sul repeat e lasciarlo scorrere, non stupitevi se dopo un po’ di comincerete a ballarlo, la sua vena funky è irresistibile. Lo raccomanderei vivamente a chiunque, fa bene al corpo e alla mente.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s