#Recensione di “Facanàpa & Umarells and the World Wide Crash” di Scott Amendola, Michael Manring, Roberto Zorzi, Kutmusic, 2017 su #neuguitars #blog

scansione0001

Recensione di “Facanàpa & Umarells and the World Wide Crash” di Scott Amendola, Michael Manring, Roberto Zorzi, Kutmusic, 2017

http://www.kutmusic.com/scott-amendola-michael-manring-roberto-zorzi-facanapa-umarells-and-the-world-wide-crash.html

Cover fantastica per un disco fantastico. Un gruppo di anziani, in piedi sulle loro biciclette, appoggiati a un muro che osservano (e probabilmente commentano) con pacifica calma il colossale incendio che si svolge dall’altra parte. Un’immagine davvero ironica, gli “Umarells” (frutto della fantasia e dell’analisi sociale dello scrittore bolognese Danilo Masotti, che ha scritto libri sulla loro “fenomenologia”: la loro cura nel sorvegliare i cantieri) che incornicia a perfezione la musica energica, ossessiva e potente suonata da questo trio composto da Scott Amendola, Michael Manring e Roberto Zorzi. Una musica dotata di un impatto aggressivo e immediato, eclettica come eclettici sono i suoi creatori. Perdonatemi, ma non riesco a mantenermi obiettivo dopo l’ascolto di questo disco, non riesco ad esserlo, ne sono sinceramente entusiasta e le iperboli qui si sprecano. Che bello ritrovare dopo tanti anni Michael Manring, sono suo fan fin dai tempi dei Montreaux e dei suoi dischi solisti con la Windham Hill! Ritrovarlo qui assieme alla ritmica di Scott Amendola e alla caleidoscopica chitarra di Roberto Zorzi mi ha fatto letteralmente saltare sulla sedia, ho sempre amato il suo suono pastoso e raffinato, qui l’ho ascoltato dotato di un groove incredibile, di un energia indispensabile a reggere, sostenere e intrecciare percorsi musicali con la chitarra incredibile di Zorzi. Non un secondo di pausa, non un cedimento nella struttura, questo trio (non dimentico certo la batteria robusta, poliritmica e possente di Scott Amendola) per quattro lunghi brani (lontani anni luce da certi parossismi prog-rock) e una cover (“Colors for Susan”, composizione di Country Joe McDonald) che testimoniano tutto il loro desiderio di creare una musica diversa, nuova, eccitante, di esplorare nuovi territori artistici, di stupire, affascinare e raccontare.

scansione0006

Spettacolare la dedica a Moana Pozzi. Bellissime le note al cd, curate da Henry Kaiser, che si rammarica che il trio non sia un quartetto…con lui.

“Facanàpa & Umarells and the World Wide Crash” è una splendida avventura musicale. Non perdetevela!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s